Storie Il brunch: pasto leggero e… salvatempo

Le radici del brunch affondano nei fastosi buffet organizzati dall’aristocrazia inglese, al termine delle battute di caccia. La sua idea di colazione domenicale, più sostanziosa e sana del solito, serviva per riprendersi dagli eccessi del sabato sera.

Oggi è un mix tra una prima colazione e un pranzo servito in genere tra le 11 e le 15. Un pasto alternativo particolarmente apprezzato nel weekend e durante le vacanze quando ci si alza più tardi e la voglia di cucinare non è esattamente al primo posto nella scala delle priorità. 

La scelta del cibo lascia veramente molto spazio alla fantasia e rende questo pasto versatile in ogni stagione: si va dalle uova strapazzate, alle torte salate, ai piccoli panini farciti con buoni affettati e creme di formaggi morbidi da abbinare a noci e miele. Insalate miste ben sminuzzate: rucola e carote grattugiate, pomodorini e dadini di mozzarella, fettine di pera con scaglie di formaggio stagionato o parmigiano, indivia belga con noci e mele a dadini, ceci con gamberetti… Il dolce va di pari passo con il salato: si possono preparare i pancakes, da servire con lo sciroppo d’acero. Pane, burro fresco e buone marmellate sono sempre graditi a tutti. A piacere potete aggiungere biscotti e croissants. Yogurt bianco, presentato in una bella ciotola. Infine, una torta classica, per esempio una crostata, e/o i brownies.

Anche per le bevande è piacevole avere un’ampia scelta. Acqua e qualche stelo di erbe aromatiche diverse (rosmarino, salvia, menta, alloro fresco): una bibita dal gusto delicato, senza zuccheri e fresca particolarmente adatta in estate. Con il freddo puoi sostituirla con tè o tisane, rigorosamente con zucchero a parte. Infine, succhi di frutta o spremute, meglio se fatti in casa.

Per finire frutta fresca a volontà a seconda della stagione, magari già lavata e tagliata per renderla più invitante.

La tradizione impone il caffè americano (ma preparate la moka, per chi vi chiederà un caffè italiano alla fine).

 

Iscriviti alla nostra newsletter Resta aggiornato